Teleangectasie

Le piccole vene visibili attraverso la pelle delle gambe sono chiamate teleangectasie, o vene a tela di ragno. Le vene a tela di ragno sono i primi sintomi di un disturbo venoso. Gli indumenti compressivi possono aiutare ad alleviare i sintomi e a prevenire la formazione di ulteriori teleangectasie.

High-heeled woman in dark compression stockings on glowing floor

Vedi piccole vene di colore scuro sulla pelle delle gambe che sembrano come i rami di un albero o una ’ragnatela? Sulle cosce, queste cosiddette vene a tela di ragno (teleangectasia) rappresentano per lo più un problema puramente estetico che, nella maggior parte dei casi, può essere risolto attraverso determinate procedure endo-vascolari. Le vene a tela di ragno si sviluppano se le valvole delle vene superficiali non funzionano correttamente, cosicché il sangue scorre all'indietro e ristagna nelle vene. Al pari di sintomi quali le gambe pesanti e il dolore alle gambe, le vene a tela di ragno sono i primi sintomi di un disturbo venoso che può progredire in grave insufficienza venosa.

Cosa sono le vene a tela di ragno (teleangectasia)?

Le vene a tela di ragno, dette anche teleangectasie, sono vene superficiali piccole, visibili e incompetenti sotto la pelle con meno di 1 mm di calibro. Non devono essere confuse con le normali vene visibili nelle persone con pelle sottile e trasparente.

Le vene a tela di ragno si trovano in diverse aree della gamba e talvolta sulle braccia e sul viso. Formano una rete sotto la pelle simile a una ragnatela. Ecco da dove prendono il nome. Le piccole vene a tela di ragno hanno un colore rosso piuttosto acceso. Le vene dilatate più grandi (da 1 mm a meno di 3 mm di diametro) sono chiamate vene reticolari e hanno un colore bluastro.

Sulle cosce, le vene a tela di ragno rappresentano per lo più un problema puramente estetico che, nella maggior parte dei casi, può essere risolto mediante procedure endo-vascolari.

Quando le vene a tela di ragno sono presenti intorno alla caviglia, sono chiamate corona phlebectatica. Questa manifestazione è il primo segno cutaneo dello sviluppo di una grave insufficienza venosa. Consultare il proprio medico o uno specialista in disturbi delle vene. Il medico saprà confermare la diagnosi e selezionare il trattamento più adatto.

Qual è la causa della teleangectasia?

La teleangectasia comporta la dilatazione delle vene e fa sì che le valvole venose non si chiudano più correttamente. In queste vene, anziché scorrere verso il cuore, il sangue torna indietro, verso i piedi, e si accumula nelle vene. Si verifica pertanto un aumento della pressione nei vasi interessati che, nel tempo, può indebolire le pareti delle vene causandone un'ulteriore dilatazione.

La teleangectasia non è solo un segno dell'invecchiamento. Può colpire anche persone più giovani con una predisposizione genetica.

Durante la gravidanza, o se sono presenti ulteriori fattori di rischio come un'occupazione che comporta una posizione eretta e/o seduta prolungata, o, ancora, in caso di sovrappeso, la probabilità di sviluppare la teleangectasia aumenta.

Cosa posso fare per le vene a tela di ragno?

In molti casi, le vene a tela di ragno sono innocue e tendono a essere una questione estetica. Ma possono anche essere i primi segni di un disturbo venoso o, se localizzate attorno alla caviglia come corona flebectasica, di un'insufficienza venosa più grave.

La compressione funziona

Se ti viene diagnosticata la teleangectasia (vene a tela di ragno), il medico può prescrivere calze a compressione medicale per applicare una pressione controllata sulla gamba. Comprimendo la gamba di più alla caviglia e diminuendo la pressione salendo lungo la gamba, la calza compressiva comprime delicatamente le pareti venose, facilitando così il flusso di sangue verso il cuore, riducendo la pressione venosa e migliorando la circolazione sanguigna globale.

Le calze a compressione medicale possono aiutare a prevenire la formazione di ulteriori vene a tela di ragno. Possono anche ridurre i sintomi associati, ad esempio gonfiore alle gambe. Inoltre, indossando calze compressive è possibile ridurre la progressione di un disturbo venoso sottostante e il rischio di sviluppare un coagulo di sangue.

Esistono altre opzioni di trattamento per le vene a tela di ragno?

Se le vene a tela di ragno vengono rimosse per motivi estetici, il medico estetico utilizzerà una procedura endo-vascolare per occludere le vene visibili. La procedura preferita è la scleroterapia, una procedura ecoguidata che prevede la cannulazione della vena e l'iniezione di un agente schiumogeno o sclerosante che porta all'occlusione della vena. Nel migliore dei casi, la vena collassata viene riassorbita nel tessuto locale e sbiadisce nel tempo.

È consigliabile indossare calze compressive dopo il trattamento, per il miglior risultato possibile.

Riepilogo

Qualsiasi sensazione di fastidio alle gambe o segni cutanei visibili di vene dilatate (chiamate vene a tela di ragno, o teleangectasia) possono essere i primi sintomi di un disturbo venoso.

Nozioni mediche di base sui disturbi venosi

  • Il termine Disturbo venoso cronico (CVD) descrive una condizione protratta nel tempo che comporta un ritorno venoso compromesso.
  • Se le valvole venose non’ si chiudono correttamente, si ha un reflusso: il sangue fuoriesce verso il basso e ristagna nella vena, portando così all'ipertensione venosa. Questa condizione è nota come insufficienza venosa cronica (IVC) e può causare edema, alterazioni cutanee e, in alcuni casi, ulcerazioni.
  • Se non trattata, l'insufficienza venosa cronica può causare l'insorgere di gravi disturbi, tra cui flebite ed embolia polmonare. Per distinguere le diverse manifestazioni di CVD, viene utilizzato il sistema di classificazione CEAP.
  • I disturbi venosi acuti di solito si verificano senza condizioni preesistenti, ma possono anche essere scatenati da disturbi venosi cronici. In ogni caso, è necessario intervenire immediatamente con un trattamento medico. I disturbi venosi acuti comprendono tromboflebite superficiale, trombosi venosa profonda (TVP), embolia polmonare, sindrome post-trombotica e sanguinamento variceale.

Altre letture