Classificazione CEAP per disturbi venosi cronici

Disturbi venosi cronici (DVC) è un termine collettivo che descrive una condizione perdurante che comporta un ritorno venoso compromesso con vari gradi di gravità. Per distinguere le diverse manifestazioni di DVC, viene utilizzato il sistema di classificazione CEAP.

Classificazione CEAP per disturbi venosi cronici

Che cos'è la classificazione CEAP?

 

Al fine di standardizzare la segnalazione e il trattamento delle diverse manifestazioni di disturbi venosi cronici, è stato sviluppato un sistema di classificazione globale (CEAP) per consentire una diagnosi e un confronto uniformi delle popolazioni di pazienti. Creato da un comitato internazionale ad hoc dell'American Venous Forum nel 1994, è stato approvato in tutto il mondo ed è ora uno standard accettato per la classificazione dei disturbi venosi cronici.

I fondamenti della classificazione CEAP includono una descrizione della classe clinica (C) basata su segni oggettivi, l'eziologia (E), la distribuzione anatomica (A) di reflusso e ostruzione nelle vene superficiali, profonde e perforanti e la fisiopatologia (P) soggiacente, a causa di reflusso o ostruzione (1).

Concepito come documento in evoluzione nel tempo, il CEAP è stato sottoposto alla sua prima revisione ufficiale e alla revisione da parte di un panel internazionale sotto l'egida dell'American Venous Forum nel 2004 (2). Il documento rivisto mantiene le categorie CEAP di base ma migliora i dettagli sottostanti.

CEAP: sette classi cliniche di disturbi venosi cronici

Secondo la classificazione CEAP, i disturbi venosi cronici possono essere suddivisi in sette classi cliniche da C0 a C6 con segni specifici:

C0: nessun segno visibile o palpabile di patologie venose

C1: teleangectasie (vene del ragno) o vene reticolari

C2: vene varicose

C3: edema

C4: cambiamenti della pelle (iperpigmentazione, eczema, indurimento)

C5: ulcera venosa guarita

C6: ulcera venosa attiva

 

Meccanismo della malattia

 

Bibliografia: (1) Porter JM, Moneta GL. Reporting standards in venous disease: an update. International Consensu Committee on Chronic Venous Disease. J Vasc Surg 1995;21:635-45. (2) Eklof B, Rutherford RB, Bergan JJ, Carpentier PH, Glovicski P, Kistner RL, et al. Revision of the CEAP classification for chronic venous disorders: consensus statement. J Vasc Sur 2004;40:1248-52.

Altre letture

Che cos'è la terapia compressiva?

Che cos'è la terapia compressiva?

La terapia compressiva medicale applica un tipo di dispositivo elastico sugli arti o su altre parti del corpo per esercitare una pressione controllata su di essi. In questo modo, il dispositivo comprime le pareti venose e migliora la frequenza circolatoria. La compressione medicale aiuta anche nella riduzione dell'edema e ripristina le condizioni benefiche per la guarigione dei disturbi infiammatori cronici.
Disturbi venosi cronici (DVC)

Disturbi venosi cronici (DVC)

Stare costantemente in piedi o seduti impedisce il corretto afflusso di sangue verso il cuore. In determinate circostanze, ciò può portare a insufficienza venosa, caratterizzata da valvole venose non propriamente funzionanti che interferiscono con il ritorno venoso e causano l'accumulo di sangue nelle vene.
Fattori che influenzano negativamente la salute delle gambe

Fattori che influenzano negativamente la salute delle gambe

Molti fattori possono avere ripercussioni sulla salute delle gambe. Questi possono includere fattori di stile di vita, come attività ridotta, obesità e/o fumo. Altri fattori, come l'età avanzata, il genere, i cambiamenti ormonali e una storia familiare di disturbi venosi, sono anch'essi influenti. In questi casi, gli indumenti compressivi possono aiutare a favorire la salute delle gambe. Fattori come gli interventi chirurgici e i viaggi a lunga distanza comportano un rischio maggiore di sviluppare trombosi venosa profonda (TVP). L'uso della compressione potrebbe impedire lo sviluppo di TVP.
Condividi questo articolo
LinkedIn
Twitter
Facebook