Disturbi venosi cronici (DVC)

Stare costantemente in piedi o seduti impedisce il corretto afflusso di sangue verso il cuore. In determinate circostanze, ciò può portare a insufficienza venosa, caratterizzata da valvole venose non propriamente funzionanti che interferiscono con il ritorno venoso e causano l'accumulo di sangue nelle vene.

What is compression therapy

Un adulto di taglia media ha circa 4-6 litri di sangue che vengono pompati attraverso il corpo quasi 1500 volte al giorno. Con circa 7000 litri di sangue che devono tornare al cuore ogni giorno, il cuore e il sistema venoso hanno un lavoro difficile da svolgere, soprattutto perché devono superare la forza di gravità per trasportare il sangue verso l'alto.

Le vene delle gambe possono dilatarsi per diversi motivi, tra cui l'ipertensione venosa. Se le vene delle gambe sono dilatate, le valvole venose non possono più chiudersi correttamente. Un reflusso venoso si verifica quando il sangue scorre verso il basso e ristagna nella vena.

Il reflusso venoso persistente e l'ipertensione venosa possono danneggiare ulteriormente le pareti interne delle vene delle gambe e questo può portare a insufficienza venosa cronica che indica le forme più avanzate di disturbi venosi.

Le manifestazioni acute delle patologie venose di solito si verificano senza condizioni preesistenti, ma possono anche essere scatenate da patologie venose croniche e richiedono un trattamento medico.

In entrambi i casi, disturbi venosi cronici e acuti, la terapia compressiva svolge un ruolo fondamentale nel concetto di trattamento.

Il rischio di sviluppare un disturbo venoso cronico dipende da diversi fattori come lo stile di vita sedentario, il fumo, la chirurgia, l'età, il sesso e altro. Controlla la nostra pagina dei fattori di rischio per saperne di più. 

Insufficienza venosa

Stare costantemente in piedi o seduti impedisce il corretto afflusso di sangue verso il cuore. In determinate circostanze, ciò può portare a insufficienza venosa, caratterizzata da valvole venose non propriamente funzionanti che interferiscono con il ritorno venoso e causano l'accumulo di sangue nelle vene.

Se non trattata, l'insufficienza venosa può causare l'insorgere di gravi disturbi, tra cui flebite, embolia polmonare o ulcere. Secondo il Bonn Vein Study del 2003, si stima che un uomo su sei e una donna su cinque soffrono di insufficienza venosa cronica.

Nonostante la gravità dell'insufficienza venosa cronica sia diminuita negli ultimi 20 anni, i dati di questo studio mostrano chiaramente che i disturbi venosi sono ancora molto comuni in tutta la popolazione. Guarda il nostro per saperne di più sui disturbi venosi.

Sistema venoso alterato

Nei pazienti con patologie venose croniche, le pareti interne delle vene degli arti inferiori sono soggette a cambiamenti patologici a causa di ipertensione o altri fattori, che ne causano il deterioramento. Ciò provoca la dilatazione delle vene degli arti inferiori, che impedisce la corretta chiusura delle valvole. Questo, a sua volta, provoca un reflusso, ossia il sangue fuoriesce verso il basso e ristagna nella vena, portando così a un'ulteriore ipertensione venosa e a forme più avanzate di disturbi venosi cronici. Questa condizione è nota come insufficienza venosa cronica (IVC) e può provocare edema, alterazioni cutanee e, in alcuni casi, ulcerazioni.

Sottotipi DVC

Il sistema CEAP è usato per distinguere e classificare i diversi sottotipi.

C0S: gambe pesanti, sensazione di gonfiore e dolore alle gambe

Con lo stadio C0S, i pazienti spesso descrivono una sensazione di gambe pesanti, caratterizzata da una sensazione di disagio, stanchezza e dolore alle gambe. Questi sintomi si manifestano spesso dopo essere stati seduti o in piedi per ore prolungate e si verificano generalmente la sera –, non sono presenti al mattino o dopo il risveglio.

In estate, i sintomi possono aumentare a causa del caldo e sono generalmente associati a sensazione di gonfiore a piedi e caviglie. Non sono ancora presenti segni visibili o palpabili di patologie venose in questo stadio precoce dei disturbi venosi.

Trattamento e cura delle gambe pesanti

  • Per evitare gambe pesanti, dolorose e stanche, prova le soluzioni di compressione Sigvaris.
  • Il sollevamento delle gambe di solito fa scomparire i sintomi.
  • È disponibile una vasta gamma di creme e gel per alleviare i sintomi delle gambe pesanti.

C1: Vene a tela di ragno

Medical illustration of a leg with spider veins

Vene a tela di ragno (chiamate anche vene reticolari o teleangectasia) sono vene piccole, dilatate, superficiali che corrispondono a una confluenza di venule intradermiche dilatate di calibro inferiore a 1 mm. Possono trovarsi in aree diverse della gamba. Le vene reticolari sono vene subdermiche bluastre dilatate, di solito di diametro da 1 mm a meno di 3 mm. Di solito sono tortuose. Sono escluse le normali vene visibili nelle persone con pelle sottile e trasparente.

Trattamento e cura delle vene a tela di ragno

  • Cure non invasive con Sigvaris compressione soluzioni
  • Terapia invasiva con ablazione chimica

Importante sapere: prima di prendere in considerazione qualsiasi trattamento delle vene a tela di ragno, è essenziale eseguire un'ecografia duplex per valutare se è presente un reflusso venoso sottostante.

C2: vene varicose

Medical illustration of a leg with varicose veins

Le vene varicose sono vene sottocutanee, dilatate e tortuose di 3 mm di diametro o più grandi. Hanno valvole difettose, che causano stasi venosa. Le vene varicose possono comparire sul piede, sul polpaccio, sulla coscia o sull'intera gamba e colpiscono quasi il 30% della popolazione’ mondiale.

Le vene varicose possono essere dolorose o, al contrario, totalmente indolori. Quando sono presenti sintomi, includono gonfiore di caviglia e gamba, pesantezza o pienezza, sofferenza, irrequietezza, affaticamento, dolore, crampi e prurito. Esistono molte cause note per lo sviluppo delle vene varicose, come età> 50 anni, lavoro prolungato in posizione eretta o seduta, inattività fisica, obesità, ereditarietà, gravidanza e menopausa.

La diagnosi precoce è essenziale per prevenire il peggioramento della patologia venosa. Se non trattate, le complicazioni possono includere tromboflebite (processo infiammatorio che causa la formazione di un coagulo di sangue) e emorragia variceale.

Trattamento e cura delle vene varicose

Varicose veins are damaged veins in which the venous valves do not close properly.

C3: edema

Venous edema

L'edema è definito come un sensibile aumento del volume di liquido nella pelle e nel tessuto sottocutaneo, caratteristicamente rientrato con la pressione. L'edema venoso di solito si verifica nell'area della caviglia, ma può estendersi alla gamba e al piede.

Esistono molte cause di edema, come stare in piedi o seduti per lunghi periodi di tempo, inattività fisica, patologie venose croniche, linfedema, filariasi, ereditarietà, gravidanza, interventi chirurgici e traumi.

Gli edemi di origine venosa si verificano quando il sangue ristagna nelle vene, impedendo così il corretto funzionamento dei capillari e causando un accumulo eccessivo di liquidi (acqua, elettroliti, proteine, sostanze disciolte) nella pelle e nel tessuto sottocutaneo.

Trattamento e cura dell'edema

C4a: dermatite eritematosa (eczema)

L'eczema è una reazione infiammatoria della pelle indotta da ristagno di sangue nelle vene. Si manifesta più spesso vicino alle vene varicose, ma può trovarsi ovunque sulla gamba. Se non trattato, può progredire in eruzioni con vesciche, pelle che trasuda o forfora cutanea sulla pelle della gamba.

Trattamento e cura dell'eczema

Se ritenuto necessario dal medico curante, deve essere fornito un adeguato trattamento antinfiammatorio.

C4a: iperpigmentazione

Medical illustration of a leg with venous discoloration

L'iperpigmentazione è definita come un oscuramento brunastro della pelle dovuto alla fuoriuscita di eritrociti dalla vena nel tessuto circostante. Di solito si verifica nell'area della caviglia, ma può estendersi alla gamba e al piede.

Trattamento e cura dell'iperpigmentazione

Importante sapere: l'iperpigmentazione di solito rimane anche dopo la rimozione delle vene varicose responsabili mediante intervento chirurgico o scleroterapia.

C4b: Dermatoliposclerosi (LDS)

Dermatoliposclerosi (LDS) si riferisce a un'infiammazione cronica localizzata e alla fibrosi della pelle e dei tessuti sottocutanei della parte inferiore della gamba che si verificano in pazienti con gravi disturbi venosi cronici. La LDS è talvolta preceduta da edema infiammatorio diffuso della pelle, che può essere doloroso e viene spesso definito ipodermite. La LDS deve essere distinta dalla linfangite, dall'erisipela o dalla cellulite dai loro segni locali caratteristicamente diversi e dalle loro caratteristiche sistemiche.

Trattamento e cura della LDS

Se ritenuto necessario dal medico curante, deve essere fornito un adeguato trattamento antinfiammatorio

C4b: atrofia bianca

Medical illustration of a leg with white atrophy

L'atrofia bianca, chiamata anche atrophie blanche, è un tipo di cicatrice localizzata nella parte inferiore della gamba o del piede. È un'area della pelle spesso circolare, biancastra e atrofica circondata da capillari dilatati e talvolta iperpigmentazione. È un segno di grave DVC e rappresenta sequele tardive di dermatoliposclerosi in cui la pelle ha perso il flusso sanguigno dei nutrienti.

Trattamento e cura dell'atrofia bianca

C5 e C6: ulcera della gamba guarita e attiva

Medical illustration of a leg with active venous leg ulcer

C6: ulcera della gamba attiva

Medical illustration of a leg with healed venous leg ulcer

C5: ulcera della gamba guarita

Una ulcera venosa della gamba è un difetto a tutto spessore della pelle, più frequentemente nell'area della caviglia, che non riesce a guarire spontaneamente ed è sostenuto da DCV. Un'ulcera della gamba attiva è classificata C6, mentre le ulcere della gamba guarite sono classificate C5 mediante la classificazione CEAP.

Le ulcere venose della gamba sono lesioni aperte dolorose nella parte inferiore della gamba che si verificano in presenza di gravi patologie venose. La ferita in sé è spesso irregolare e potrebbe verificarsi una secrezione gocciolante quando il fluido tissutale fuoriesce dalla ferita.

È importante sapere che le ulcere non guariscono spontaneamente, ma che esistono opzioni terapeutiche per questa malattia grave e spesso dolorosa.

Trattamento e cura dell'ulcera della gamba

Un'ulcera della gamba venosa può richiedere mesi per guarire.

  • Il trattamento primario include la guarigione della ferita e il controllo di una possibile infezione.
  • Anche la gestione del dolore, la riduzione al minimo del gonfiore e la protezione della pelle sana sono passaggi cruciali durante il trattamento.
  • Si applica una compressione a breve tratto o uno speciale sistema di calze per ulcera che eroga una pressione> 40 mmHg fino alla guarigione dell'ulcera venosa della gamba.
  • Altre misure: bendaggi compressivi anelastici
  • Altre misure interventistiche: ablazione endotermica (laser/radiofrequenza), ablazione chimica (scleroterapia con schiuma ecoguidata) e terapia di rasatura (escissione del tessuto interessato)

Importante sapere: quasi l'80% delle ulcere venose delle gambe può essere guarito con una buona gestione della ferita. Una volta guarita, il paziente deve indossare calze a compressione graduata mediche Sigvaris minimo da 30-40 mmHg a vita per evitare la recidiva dell'ulcera. Anche le passeggiate quotidiane, una dieta sana e il controllo del peso sono fondamentali nella cura del paziente.

Soluzioni Sigvaris per ulcera della gamba

SIGVARIS Ulcer X Kit e Sigvaris 500 sono sistemi a doppia calza. Sono costituiti da una sottocalza a bassa compressione (15-20 mmHg) e una sopraccalza (23-32 mmHg). La sottocalza è realizzata con uno strato interno di cotone e liscio esternamente, che permette di infilare più facilmente la sopraccalza. Mantiene la medicazione in posizione, soprattutto di notte quando la sopraccalza viene rimossa per consentire al paziente di riposare più comodamente.

Durante le attività quotidiane, la sopraccalza da 23-32 mmHg e la sottocalza da 15-20 mmHg forniscono la compressione necessaria per curare l'ulcera venosa. È stato dimostrato che l'Ulcer X Kit è la scelta di trattamento migliore per la guarigione efficace delle ulcere venose.

Guarigione completa della ferita: 96,2% con Ulcer X kit rispetto al 70% con i bendaggi tradizionali.

Le ulcere con un diametro fino a 4 cm sono guarite due volte più velocemente con Ulcer X kit rispetto ai bendaggi; la guarigione delle ulcere> 4 cm è avvenuta alla stessa velocità di quella registrata con l'uso dei bendaggi.

Nel gruppo con bendaggio sono stati segnalati dolori di notte/al mattino, assenti invece nel gruppo trattato con Ulcer X Kit

Altri vantaggi di Ulcer X kit includono la facilità di applicazione che favorisce la conformità, una maggiore attività e quindi una migliore qualità della vita.

Altre letture