Edema venoso

Se il volume delle gambe è costantemente aumentato ed esercitando una pressione sulla parte interessata si forma una fossetta, si è in presenza di un edema. La causa potrebbe essere venosa o linfatica. La consultazione di un medico fornirà la diagnosi corretta. La terapia compressiva è la terapia di base per l'edema.

Man and woman playing chess in a lobby

Hai le gambe gonfie, specialmente di sera e d'estate, e il gonfiore scompare quando alzi le gambe? Potrebbero essere i primi segni di una patologia venosa. Se la gamba rimane gonfia anche dopo averla sollevata, potrebbe trattarsi di un edema,

In ogni caso, sarebbe opportuno sottoporsi a una visita medica per avere una diagnosi corretta e verificare le cause sottostanti.

Che cos'è l'edema venoso?

L'edema è definito come un aumento percettibile del volume di liquido nella pelle e nel tessuto sottocutaneo. L'applicazione di pressione sull'edema lascia una rientranza che permane sulla pelle dopo il rilascio della pressione.

L'edema venoso di solito si verifica prima nell'area della caviglia; può estendersi anche alla gamba e al piede.

Quali sono le cause dell'edema venoso?

L'edema ha molte cause, come stare in piedi o seduti per lunghi periodi di tempo, inattività fisica, patologie venose croniche, linfedema, ereditarietà, gravidanza, interventi chirurgici e traumi.

Gli edemi di origine venosa si sviluppano quando le valvole venose non ’si chiudono correttamente e il sangue ristagna nelle vene, impedendo così il corretto funzionamento dei vasi sanguigni.

Agli occhi della persona affetta, spesso non c'è differenza visibile tra edema venoso e linfedema. In ogni caso, se si riscontra gonfiore, è necessario farsi visitare da un medico per ottenere la diagnosi e il trattamento corretti.

Cosa fare per l'edema venoso?

Un operatore sanitario esaminerà i sintomi, nonché la presenza di vene varicose, disturbi trofici della pelle o ulcere cutanee che possono essere associate a una patologia venosa.

Mediante l'ecografia, un medico può visualizzare il flusso sanguigno e verificare se lo sviluppo dell'edema è associato a un disturbo venoso e se le vene superficiali o il sistema di vene profonde delle gambe ne sono affetti.

La diagnosi precoce dell'edema è essenziale per prevenire la progressione della patologia ed evitare complicazioni più gravi.

Terapia compressiva medicale: un trattamento non invasivo

In caso di edema venoso, la terapia compressiva medicale viene utilizzata come trattamento di base non invasivo.

Un professionista sanitario può prescrivere calze compressive medicali. Il materiale elastico della calza compressiva medicale fornisce una pressione attiva alla gamba e avvicina delicatamente le pareti venose.

La pressione più forte viene applicata alla caviglia e diminuisce risalendo lungo la gamba, facilitando così il flusso di sangue verso il cuore, riducendo la pressione venosa e migliorando la circolazione generale.

In alcuni casi, può essere d'aiuto anche una tecnica simile al massaggio chiamata Drenaggio linfatico manuale (DLM).

Altre opzioni di trattamento per l'edema venoso

L'edema venoso ha origine da un disturbo venoso sottostante, che può essere trattato con una terapia compressiva non invasiva, ma anche con tecniche più invasive. Le varie opzioni di trattamento includono:

right_arrow

Iniezione di liquido, schiuma o colla, sotto controllo ecografico, per provocare il restringimento e il collasso delle vene.

right_arrow

Rimozione chirurgica delle vene varicose. Le vene superficiali vengono rimosse attraverso piccole incisioni (flebectomia per microincisioni); le vene profonde vengono rimosse tramite stripping venoso.

Nozioni mediche di base sui disturbi venosi

  • Il termine disturbo venoso cronico (DVC) descrive una condizione protratta nel tempo che comporta un ritorno venoso compromesso.
  • Se le valvole venose non’ si chiudono correttamente, si ha un reflusso: il sangue fuoriesce verso il basso e ristagna nella vena, portando così all'ipertensione venosa. Questa condizione è nota come insufficienza venosa cronica (IVC) e può causare edema, alterazioni cutanee e, in alcuni casi, ulcerazioni.
  • Se non trattata, l'insufficienza venosa cronica può causare l'insorgere di gravi disturbi, tra cui flebite ed embolia polmonare. Per distinguere le diverse manifestazioni di CVD, viene utilizzato il sistema di classificazione CEAP.
  • I disturbi venosi acuti di solito si verificano senza condizioni preesistenti, ma possono anche essere scatenati da disturbi venosi cronici. In ogni caso, è necessario intervenire immediatamente con un trattamento medico. I disturbi venosi acuti comprendono tromboflebite superficiale, trombosi venosa profonda (TVP), embolia polmonare, sindrome post-trombotica e sanguinamento variceale.

Altre letture